Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo

Patap

Vi presentiamo Patap. Un villaggio nella valle di Katmandu, a circa 30 Km dalla capitale, il che vuol dire circa 3 ore di viaggio, visto lo stato delle strade; e non dimentichiamo che c'è una sola corriera al giorno - e solo quando non ci sono i monsoni!

All’ultimo censimento, nel 2011, ci vivevano 425 famiglie, una piccola comunità.

abitanti di Patap

Come tutta la valle è stato colpito molto duramente dal terremoto dello scorso anno, che l’ha praticamente raso al suolo.

Ora gli abitanti vivono in “case” costruite con materiali di recupero, principalmente lamiere ondulate, caldissime d’estate e gelide d’inverno, senza alcun tipo di mobilio: mangiano, dormono e studiano per terra, sulla nuda terra.

famiglia di Patap

La principale attività della gente del villaggio è l’agricoltura, praticata con strumenti e metodi molto antichi e rudimentali, e soggetta alla variabilità del clima. Quasi ogni famiglia vive sulla propria terra, normalmente non più di 3000 mq, e quindi sono  molto “sparpagliati”.

Ma alcuni hanno soltanto il fazzoletto di terra su cui hanno costruito la loro casa ed ora, in attesa di poterne ricostruire una sul terreno della precedente, vivono in baracche sulla terra di altri.

Un’agricoltura di sussistenza, affiancata, per i più fortunati, dal possesso di alcuni animali (bufali, capre, galline).

Le famiglie sono mediamente piuttosto numerose, i genitori spesso analfabeti e all’educazione spesso non danno l’importanza che merita. La tentazione di tenere i bimbi a casa da scuola è alta: vuol dire evitare le spese scolastiche e poter utilizzare le loro braccia nell’agricoltura.

famiglia di Patap

L’unica scuola esistente, del Governo, impartisce un’educazione standard, non particolarmente curata nella didattica e le classi sono alquanto numerose (di solito sui 35 alunni), ma questa è la realtà di tutto il Nepal, se si esclude la capitale e altri grossi centri dove esistono scuole private molto migliori (ma anche molto costose) per i figli dei benestanti.

La scuola di Patap è veramente in uno stato disastroso, ma c’è una agenzia di livello internazionale che ha firmato un accordo con il Ministero dell’istruzione nepalese per ricostruirla. Speriamo bene…!

scuola di Patap

Gli alunni sono  325, suddivisi in 10 classi. Il preside è una persona in gamba e interessata all’educazione dei bambini, ma non ha mezzi economici né tecnologici adeguati: a Patap non esiste connessione internet ed anche i cellulari funzionano a singhiozzo, così come la corrente elettrica, se è per questo...

piccole allieve di Patap

Il progetto che “Libro e Zuppa” vorrebbe finanziare, usufruendo del supporto di conoscenza dei luoghi e delle persone di “Apeiron”, riguarda principalmente le abitazioni: vogliamo, con il vostro aiuto dare nuovamente case degne di questo nome agli abitanti del villaggio.

0
0
0
s2smodern

Free Joomla! template by Age Themes